Come imparare l’inglese da casa: 12 consigli pratici

Come imparare l'ingleseQuest’articolo contiene una serie di consigli pratici per imparare l’inglese (o qualsiasi altra lingua straniera) da autodidatti. Si tratta di passi semplici e gratuiti che tutti possono implementare.

Nota che non mi sto lanciando in una serie di elucubrazioni teoriche. Al contrario, si tratta di una serie di idee che ho sviluppato negli ultimi sette anni mentre imparavo l’inglese, lo spagnolo, il francese e il cinese.

Motivazione

Il consiglio più importante che ti posso dare per imparare l’inglese è quello di trovare le giuste motivazioni. Quando finirai di leggere quest’articolo probabilmente ti sentirai super motivato/a e starai pensando di studiare cinque ore al giorno per i prossimi tredici anni.

Scarica l'e-book 21 risorse gratuite per imparare l'inglese
Iscriviti per scaricare i bonus gratuiti e ricevere la nostra newsletter

Ma imparare una lingua straniera richiede costanza e, se non si ha abbastanza motivazione, si tende a dimenticare gli obiettivi iniziali per tornare presto alla solita vecchia routine (che al posto dello studio dell’inglese prevedeva due ore di Facebook al giorno).

  • Se non hai una motivazione forte (per esempio passare un esame o dover dare una presentazione in inglese tra due mesi) devi creartela. Fissati un obiettivo a lungo termine (ad esempio essere in grado di guardare un film in inglese senza sottotitoli) e dati un limite di tempo (ad esempio un anno).

    Poi annuncialo al mondo. Dillo alla tua ragazza (o ragazzo) e ai tuoi amici, postalo su Facebook o sul tuo blog personale. Dai cento euro a tuo fratello e digli che ti li dovrà rendere entro un anno solo se sarai in grado di raggiungere l’obiettivo fissato. Fai in modo, insomma, di renderti la vita difficile in caso di fallimento.

    Ad esempio io lo scorso febbraio ho annunciato sul mio blog che sarei stato in grado di guardare un film in cinese entro un anno. Probabilmente non riuscirò a centrare in pieno l’obiettivo (il cinese non s’impara in un anno a meno di studiare a tempo pieno).

    Ma il punto è un altro. Il fatto di essermi compromesso pubblicamente mi ha aiutato a studiare ogni giorno e a mantenere la motivazione (il cinese non mi serve veramente visto che qua in Cina me la cavo benissimo con l’inglese e avevo quindi bisogno di una motivazione esterna). Il risultato è che, anche se tra due mesi non sarò ancora capace di capire un film in cinese, ho comunque fatto dei progressi enormi.

  • Una volta che hai fissato un obiettivo a lungo termine e un lasso di tempo limitato per raggiungerlo, decidi quanto tempo puoi dedicare ogni giorno allo studio. Io per esempio tento di studiare cinese un’ora al giorno (e spesso ci riesco). Non sembra tanto, ma ho ho una marea di cose da fare e so che se mi fossi imposto di studiare tre ore al giorno mi sarei stancato presto. Invece così sono riuscito a mantenere il ritmo quasi ogni giorno.
  • Investi qualche soldino nel tuo piano. Comprati una buona grammatica o un corso multimediale. L’idea di base è che c’impegniamo a concludere solo i progetti per i quali abbiamo investito abbastanza risorse (tempo, soldi, faccia). Io per esempio vado in palestra solo quando pago in anticipo.

    Sembra un dettaglio, però non sottovalutare il potere del tuo inconscio. Se vuoi approfondire il tema ti consiglio di leggere (Pensa e arricchisci te stesso) di Napoleon Hill, un libro che secondo me dovrebbero introdurre nei curriculum scolastici.

Scarica l'e-book 21 risorse gratuite per imparare l'inglese
Iscriviti per scaricare i bonus gratuiti e ricevere la nostra newsletter

Grammatica

E’ inutile girarci intorno. Un po’ di basi di grammatica ti servono. Non dico che devi studiarti tutte le eccezioni della lingua inglese, però devi almeno capire come funzionano i tempi verbali, le preposizioni, i superlativi eccetera.

Comprati una grammatica. Io ho – e consiglio – English Grammar in Use di Cambridge, costa 24 euro ma è probabilmente l’unica grammatica di cui avrai bisogno, a meno che tu non voglia diventare professore d’inglese.

Non sei obbligato a seguire l’ordine del libro. Dai un’occhiata all’indice e studia le regole che pensi ti possano servire subito. Quando tenti di parlare inglese prendi nota dei punti del discorso dove ti blocchi o non riesci ad esprimerti. Nella metà dei casi ti manca la struttura grammaticale adatta (mentre a volte quello che manca sono i vocaboli).

Immersione

Il consiglio migliore che ti potrei dare per imparare l’inglese sarebbe quello di trasferirti in un paese anglofono per un certo periodo di tempo. Ma anche se questo non fosse possibile c’è ancora tanto che puoi fare per “immergerti” nella lingua, sopratutto da quando internet è diventato alla portata di tutti (se stai leggendo quest’articolo sei connesso anche tu).

  • Smetti di guardare film in italiano. Sento spesso dire che i nordeuropei (belgi, olandesi, svedesi eccetera) sono più portati per le lingue straniere. Ecco, è una minchiata. Il loro “segreto” è che, essendo dei paesi con una popolazione relativamente bassa, tradurre i film – o peggio i telefilm, – è antieconomico.

    Quindi sono costretti a guardare i film in lingua originale con i sottotitoli. Sì, la nostra meravigliosa tradizione di traduttori (non faccio dell’ironia, gli italiani lo fanno davvero bene) rappresenta il maggior ostacolo all’apprendimento delle lingue straniere.

    Procurati i tuoi film o serie televisive preferite e guardali in inglese con i sottotitoli. Se si tratta di un film che hai già visto riuscirai a seguire la storia anche se il tuo inglese è a ancora a un livello di base. Con il tempo inizierai a farci l’orecchio e potrai sostituire i sottotitoli in italiano con quelli in inglese per poi abbandonare i sottotitoli del tutto.

    Io l’inglese, a parte le poche settimane che ho passato a Londra, l’ho imparato così: un film al giorno, a patto che fosse in inglese. Questa tecnica funziona perché i film piacciono a tutti e non ci sembra di studiare. Anzi, io mi divertivo un sacco a seguire le pazzie del Dottor House in lingua originale.

  • Smetti di ascoltare i Lunapop e dati al punk rock britannico. O, se preferisci, ai Beatles. Il motivo per cui sono capace di parlare in uno spagnolo (quasi) perfetto anche dopo averlo trascurato per mesi è che ascolto quasi ogni giorno musica sudamericana. Ragion per cui dimenticarmi lo spagnolo è un problema che non mi pongo.

    Invece con il francese (la musica transalpina mi piace meno) ho sempre problemi a “ingranare.” Ciò può sembrare paradossale visto che ho abitato cinque anni in Francia mentre non ho mai vissuto in un paese ispano parlante. La spiegazione è semplice e si chiama musica.

  • Scaricati un podcast (cioè una serie di lezioni mp3, al giorno d’oggi se ne trovano tanti, anche gratuiti) o un audio libro e ascoltalo mentre vai a lavoro.
  • Iscriviti a My Language Exchange, un website dove puoi trovare gente disposta a imparare e insegnare qualsiasi lingua. Ad esempio potresti trovare un inglese disposto a chattare mezz’ora al giorno con te in inglese a patto che tu poi voglia discutere con lui in italiano. Non sottovalutare le chat. Scrivere è importante per fissare le parole e le strutture grammaticali nella memoria.

    L’iscrizione è gratuita ma per poter iniziare un conversazione con un altro utente devi diventare “Gold Member,” devi cioè pagare 6 dollari americani al mese. In caso contrario dovrai aspettare che qualcun altro ti contatti (io mi ero iscritto alla versione gratuita e mi avevano contattato in due).

    Se al momento fossi interessato a uno scambio di lingua e nessuno mi contattasse probabilmente pagherei perché suppongo che per trovare la persona adatta non mi servirebbe più di qualche giorno, quindi dovrei pagare solo per il primo mese.

  • Iscriviti a Couchsurfing. Non devi per forza ospitare degli sconosciuti a casa tua. Magari sei occupato o non te la senti. Però nelle città più importanti (Roma, Milano, Firenze) sono sicuro che esistono riunioni a cadenza regolare cui potresti partecipare.

    Oppure ogni tanto potresti andare a prendere un caffè con una turista che sta visitando la tua zona. Basta iscriversi al gruppo Couchsurfing della tua città e leggere regolarmente i messaggi che arrivano. Se il gruppo dedicato alla tua città non esiste potresti sempre crearlo tu.

Revisione

Come imparare l'inglesePer parlare l’inglese in maniera soddisfacente avrai bisogno di memorizzare tanti vocaboli (verbi, nomi, aggettivi e quant’altro). Per ottenere il massimo dei risultati ti consiglio di scaricare Anki, un programma per flashcards “intelligente” che ti consente di ricordare le parole che vorresti imparare in maniera efficiente. Io l’ho scoperto a gennaio 2012 e lo utilizzo sia per studiare il cinese che per migliorare la mia grammatica inglese.

Qui trovi una spiegazione dettagliata su come funziona Anki (scritta da me in italiano).

Sono talmente convinto dell’efficacia delle flashcards che se fossi ancora all’università utilizzerei Anki anche per studiare formule matematiche. Ecco una breve spiegazione (tratta dall’articolo a cui ho appena linkato) del perché dovresti iniziare a utilizzare un programma del genere:

L’uso delle flashcards simula un’”interrogazione,” ossia un processo di domanda/risposta che ti costringe a scavare nella memoria sino a pescare la risposta giusta o fallire. Le ragioni principali per cui ricordare attivamente è più efficace che studiare passivamente sono due:

1) “Ricordare” qualcosa rafforza la memoria, aumentando la possibilità di ritenere l’informazione.

2) Se non ti ricordi la risposta a una domanda specifica, sai che devi dedicare più tempo a quel concetto anziché ripetere indiscriminatamente tutto quello che stai studiando.

Ci sono tanti programmi che ti permettono di studiare tramite flashcards. Ma la forza di Anki è racchiusa nel suo algoritmo che tiene conto delle tue risposte sbagliate, “scopre” i tuoi punti deboli e ti costringe a passare più tempo a studiare le informazioni che ancora non conosci anziché ripassare quello che hai già mandato a memoria.

L’altro vantaggio di Anki è che per iniziare puoi scaricare dei mazzi di flashcards già pronti (alla lunga consiglio di crearti le tue flashcards con le frasi che usi di più). Se pensi di voler sperimentare questa strada ti consiglio di leggere un articolo che ho scritto qualche mese fa: (Quello che mi hanno insegnato sei mesi di flashcard in cinese) in modo da evitare gli errori più banali.

Ecco una presentazione video del programma:

Prepara un piano dettagliato

  • Scegli un obiettivo chiaro, semplice e misurabile.
  • Decidi entro quanto tempo lo vuoi raggiungere.
  • Valuta quanto tempo al giorno puoi dedicare allo studio delle lingue. Sii onesto con te stesso, questa non è una gara a chi arriva primo.
  • Pensi che il tuo piano sia fattibile? Mi spiego, se non sai una parola di inglese e ti poni l’obiettivo di leggere un libro di Oscar Wilde in lingua originale entro un mese dovrai probabilmente studiare venti ore al giorno per i prossimi trenta giorni, la qual cosa mi sembra fuori discussione. Dati un obiettivo realistico.
  • Prepara uno scheduling settimanale, mettilo nero su bianco e tienilo ben in vista. Io ad esempio ho un file sul desktop del mio computer chiamato to-do (che significa “da fare”) così ogni giorno mi basta un clic per sapere cosa devo fare anziché chiedermi quali siano le mie priorità mentre mi perdo tra un articolo di Repubblica.it e una conversazione su Skype.

Quando parlo di un “piano” non mi sto riferendo a qualcosa di complicato o esoterico. Al contrario, potresti preparare una semplice scaletta su un foglio di testo Word o Notepad (un foglio di carta va bene lo stesso). Ecco un esempio:

  • Lunedì: Studia 20 nuove flashcards, impara una regola grammaticale, guarda un film.
  • Martedì: Studia 20 nuove flashcards, ascolta un’ora di podcast o audiolibro.
  • Mercoledì: Studia 20 nuove flashcards, impara una regola grammaticale, guarda un film.
  • Giovedì: Studia 20 nuove flashcards, ascolta un’ora di podcast o audiolibro.
  • Venerdì: Studia 20 nuove flashcards, impara una regola grammaticale, chatta un’ora con un inglese conosciuto su My Language Exchange.
  • Sabato: Studia 20 nuove flashcards, guarda un film.
  • Domenica: Studia 20 nuove flashcards.

Tieni presente che se decidi di utilizzare Anki ogni giorno dovrai anche ripassare le vecchie flashcards secondo lo scheduling deciso dal programma. Posso stare qui a illustrarti per ore come funziona ma il modo migliore per capire di cosa sto parlando è quello di provarlo.

Valutazione dei risultati

  • Siccome non sei un robot ogni tanto ti capiterà di saltare lo studio. Non disperare. Procurati un calendario e scrivi un bell’OK di fianco a ogni giorno in cui hai rispettato il tuo piano e un NO di fianco a ogni giorno in cui non hai studiato. Con il tempo il tuo cervello si ribellerà a vedere troppi “NO” sul foglio e gli “OK” inizieranno a essere sempre di più.
  • Scegli un giorno al mese (per esempio il primo di ogni mese) per valutare i tuoi progressi. Stai studiando abbastanza? Se non lo stai facendo, qual’è motivo? Ti sembra che dovresti cambiare qualcosa? I piani iniziali non sono mai perfetti e avrai probabilmente bisogno di fare qualche aggiustamento. No problem, annota i tuoi sbagli e impressioni, modifica il piano e riparti.

Ti chiedo un favore

Se hai avuto la pazienza di leggere sino a qui è probabilmente perché sei veramente interessato ad imparare una lingua straniera. Ma la realtà è che tra due giorni il 99% dei lettori si sarà già dimenticato di quest’articolo.

Leggere fa sempre bene. Ma io non ho fondato questo sito web per aiutarti ad ammazzare il tempo.

L’idea è quella d’inspirarti a ottenere i risultati che vuoi raggiungere.

Fatti un favore ed entra a far parte di quell’1% di persone che iniziano a scrivere il loro piano per imparare una lingua straniera oggi stesso. Poi fai il primo passo, magari comprando un libro di grammatica o iscrivendoti a My Language Exchange. E inizia a studiare domani.

Se credi ti possa aiutare, puoi anche condividere il tuo piano nei commenti qua in basso. Prometto di risponderti appena possibile.

Imparare le lingue non è difficile, basta volerlo ; )

Iscriviti e Scarica gli e-Book, è Gratis!
Iscriviti e scarica "21 risorse gratuite per imparare l'inglese online" e "Perdere 10 Kg: Le ricette"

Commenti

  1. Stefano dice:

    e scarichiamo anche Anki per imparare sti……phrasal verbs!
    Grazie.

  2. ale dice:

    primo passo fatto… iscrizione a My Language Exchange fatta… che sia la volta buona che imparerò a dire qualcosa in più oltre a I’m Alessia, i’m from Italy, I studed…bo…..

    • ivan dice:

      Ciao Alessia, non è che anche tu hai studiato francese a scuola? ; )

      Comunque complimenti, come ho scritto alla fine dell’articolo solo l’1% di quelli che lo leggeranno faranno il primo passo, e magari il secondo e il terzo…

      • MICHELA dice:

        CIAO IVAN SCUSA MA HO SEGUITO PASSO A PASSO IL PROCEDIMENTO, MA ORA NON SO COSA SCARICARE, VORREI MIGLIORARE IL MIO INGLESE IN QUANTO DEVO SOSTENERE L’ESAME IELTS! COSA MI SUGGERISCI?
        GRAZIE CIAO

  3. Silvia dice:

    sei la mia fortuna! mi sto accingendo a preparare il mio abbastanzaodiato esame universitario di inglese 2… rimandando l odiatissimoetemutissimo spagnolo 2. e, fuori dal mondo dello studio, ridotta a lavoratrice che studia nei ritagli di tempo e sopratutto da sola, mi sembrava ormai un impresa impossibile, ma dopo aver letto il tuo post, mi sembra un pò più realistico riuscire a laurearmi :D

    • ivan dice:

      Ciao Silvia,

      secondo me il problema è che le lingue sono un po’ come la matematica. Non sono difficili di per sé, però bisogna essere costanti e continuare a costruire sulle basi.

      Ecco perché insisto sul fatto di avere un piano e di valutare i risultati in maniera costante.

      Good luck with that!

  4. marta dice:

    io studiavo già con quasi tutte le tue tecniche, ho aggiunto il calendario e la lista e devo dire che mi sta facendo entrare in depressione, pretenderò troppo da me!?

    • ivan dice:

      Marta, tu abiti in Cina e studi in una scuola cinese, secondo me non hai bisogno di un calendario etc.

      Quest’articolo è più mirato a chi ha già lasciato la scuola ma, come me, ha dovuto imparare le lingue da solo

      • marta dice:

        nessuno pretende che io impari il cinese (vedi i 9/10 dei miei colleghi, come dicevi nel tuo articolo su quanto tempo ci si mette ad imparare il cinese) e dopo un week-end a Shanghai ci si rende conto di quanto sia semplice sopravvivere senza cinese!

        Se poi mi deprimo troppo cambio strategia, ma per ora questa non sta dando cattivi risultati! ;)

  5. Mirco dice:

    Ciao Ivan …… per concasualità sono capitato sul tuo sito, dopo aver ripreso a fare inglese …..
    La mia però è più una necessità di imparare un inglese scritto che mi consenta di poter comunicare alternativamente, in quanto ho perso l’udito dieci anni fa ….. insomma l’unico modo per comunicare e poter viaggiare ( di essere in grado di farlo ) è di imparare quantomeno a scrivere il più possibile un inglese decente e forbito a livello grammaticale ……
    Leggo delle fleshcards e volevo chiederti se effettivamente mi possono essere utili o come imposteresti il lavoro se tu fosse sordo ( lascia perdere la lingua dei segni …) perchè sono in grado di parlare, ma ovviamente risconosco i miei limiti e per imparare a parlare un pò di inglese parlato dovrei permettermi il lusso di un’insegnante privato …. non potendo sentire corsi, film . ecc.
    L’unica arma che ho è la scrittura …… per ovviare e riuscire a passare per una persona intelligente, per farmi rispettare e non impedita !!!
    Grazie mille .

    Mirco

    • Ivan dice:

      Ciao Mirco,

      si le flashcards le puoi sempre usare. Anziché scegliere un mazzo “audio” scegline uno “visivo,” cioè che ti mostra delle frasi in inglese che tu dovresti poi tradurre in italiano (o viceversa).

      Per quanto riguarda i film, potresti sempre guardarli con i sottotitoli. Ti aiuterebbe comunque tanto ad aumentare il tuo bagaglio lessicale e a parlare in maniera naturale.

      • Mirco dice:

        Grazie mille di cuore per la tua risposta …… !!!! Una cosa che mi piacerebbe capire è come fanno gli inglesi a sapere, scegliere, le preposizioni giuste da usare nelle frasi …. vista la velocità e concisione della lingua …. dal momento che ogni singola preposizione ed avverbio hanno usi diversi in base al contesto della frase ….. è magia pura o un automatismo che si crea con il tempo ….?! A parte di dimenticarsi per certi versi dell’Italiano … rimanere il fatto che ci s’impapera, ci si blocca, per modo di dire, proprio sull’uso immediato della preposizione adatta, dell’avverbio o del verbo …. è come watch, see and look … che si’ngarbugliano e until, as far a as .. e via dicendo !

        • Ivan dice:

          L’inglese non è più veloce. Tutte le lingue ti sembrano veloci quando non riesci a capirle bene. Quest’illusione di velocità è causata dal fatto che il tuo cervello ha bisogno di più tempo per elaborare, capire, rispondere.

          Preposizioni e avverbi… grammatica… quella italiana è molto più difficile e complessa. Eppure non mi sembra che abbiamo tanti problemi… errrr facciamo ancora tanti errori (io per primo), però ci capiamo, giusto?

          The pen is on the table… Se qualcuno ti dice “The pen is up table,” The pen is in the table” o addirittura “The pen is in table” è scorretto, però il senso si capisce.

          L’errore è spesso quello di voler parlare alla perfezione dall’inizio. L’importante è comunicare. Poi piano piano si migliora. Ma se non inizi a comunicare non migliorerai mai.

          Quindi sei tu che ti blocchi di fronte all’uso della preposizione adatta. Io me ne frego, sparo la prima che mi viene in mente e continuo. Perché, come sotto intendi tu, è il flusso che è importante.

  6. fragolaboy dice:

    grazie, è mi sembra davvero un articolo utilissimo!

  7. holly dice:

    ciao!
    tra i tanti articoli che ho letto per imparare l’inglese da autodidatta questo mi sembra uno dei migliori. Nonostante parti da 8 anni di inglese “scolastico”(medie e liceo,adesso ho 27 anni) entro nel panico a leggere un semplice sito di acquisiti on-line in inglese;siccome vorrei fare un’esperienza all’estero(ma anche impararlo da sola per dire “ce l’ho fatta!”),l’inglese diventa necessario!
    Secondo te in quanto tempo potrei riuscire ad ottenere un risultato che mi permetta di comprendere e parlare in modo almeno sufficiente per per partire? Posso dedicare 1 ora ,al max 1ora e mezza al giorno.
    Grazie per i suggerimenti! :)

    • Ivan dice:

      Hey,

      viste le tue basi 3 mesi mi sembrano abbastanza. Io fare così: un film al giorno con sottotitoli in inglese, senza eccezioni.

      Se all’inizio non riesci a capire bene riguarda i film che ti piacciono così conosci già la trama e non ti annoi. Io ho imparato sopratutto così.

      Fammi sapere come va ; )

      • holly dice:

        Ti aggiornerò e forse tra tre mesi riuscirò a commentare in inglese senza problemi! ^_^
        Ciao!

  8. sonia dice:

    ciao, mi fa piacere sentire qualcuno che è riuscito nell’intento di imparare l’inglese da solo… io ci sto provando da un po’ ma prendo in mano un libro, che sia grammatica o un corso, e dopo un po’ mi fermo… hai ragione serve costanza. Un po’ di basi le ho, qualcosa nel frattempo ho imparato, parole nuove ecc. ma non al livello di leggere un libro non adattato e capirlo senza far fatica. Vorrei raggiungere questo obiettivo, e mi pongo il target di fine anno! Forse è troppo tempo? I film invece mi sembrano più difficili da capire perché c’è molto slang e quando parlano si mangiano le parole… però… a pensarci bene, vorrei includere anche questo nel mio obiettivo di fine anno.

    grazie ciao Sonia

    • Furio Fu dice:

      Ciao Sonia,

      fine anno? Può essere poco o troppo, dipende da quanto t’impegni. Mancano otto mesi sino a fine anno. Segui i passi dell’articolo e metti giù un piano : )

      Per i film, dipende. Ho appena visto Django ed è quasi incomprensibile. Lo riguarderò con i sottotitoli… Però ci sono tanti film che sono abbastanza facili da capire.

      In generale evita gli inglesi e vira su roba tipo Woody Allen. Inoltre, puoi sempre riguardare film che hai già visto. In questo modo non ti annoi perché sai già quello che sta succedendo.

      Last point: se per te è ancora troppo difficile capire un film, utilizza i sottotitoli!

      • sonia dice:

        grazie, hai ragione, dovrò rivedere i miei piani riguardo vedere un film senza sottotitoli… ci vorrà più tempo di fine anno, ma spero almeno di poter leggere un buon libro senza troppe complicazioni.

        Proverò con Woody e si vedrà :D

  9. andrea dice:

    ciao mi spiegi come si usa Anki??????
    grazie

    • marta dice:

      ciao!
      Lo scarichi da internet, lo installi sul tuo pc, clicchi “ottieni mazzi condivisi”, ti scegli il mazzo che ti interessa (in base al tuo livello, i tuoi interessi, quello che vuoi studiare, il modo in cui ti rimangono impresse le cose…), scarichi il mazzo, lo apri in maniera che si importi automaticamente nel programma, clicchi sul nome del mazzo nella schermata principale del programma, clicchi studia, e “giri” tutte le carte che ti propone quel giorno avendo cura di cliccare i bottoni in basso a seconda di come sai rispondere al quesito proposto, ogni giorno riapri il programma e studi le carte che “ti toccano” quel giorno lì!
      good luck
      se hai ancora dubbi http://192.167.9.6/Anki_ITA/Manual_ITA.htm

      • Ivan dice:

        Ciao Andrea,

        ti ha spiegato tutto Marta : )

        Aggiungo che se hai uno smartphone Android ti puoi scaricare l’app gratuita. Se hai un iPhone invece è a pagamento.

        Comunque leggiti l’articolo che ho scritto su Anki (trovi il link qui sul post) se vuoi capire meglio come e perché un software come Anki può esserti utile

  10. Gianluca dice:

    Ciao Furio, ho appena letto il tuo articolo e ne sono rimasto molto colpito, per tanti motivi: l’efficacia del piano, l’approfondimento di ogni singolo punto, e, soprattutto, l’attenzione che dedichi ad ogni singolo particolare, che dimostra la tua generosità nel pubblicare articoli del genere. Ho 14 anni, faccio la 1^ superiore, e amo l’inglese; volevo chiederti se, nonostante la mia età, l’impiego di tempo, il potere delle motivazioni e la forza impressionante dei grandi obbiettivi a lungo termine (il mio desiderio sarebbe di puntare al progetto Erasmus per andare a studiare in Gran Bretagna), possano permettermi di seguire con costanza il piano che mi sono fissato( che è simile a quello che hai pubblicato come modello).

    • Ivan dice:

      Sì certo,

      tu hai due vantaggi:

      1) sei ancora uno studente e quindi sei abituato a studiare

      2) fai le superiori quindi, rispetto a chi lavora, hai un sacco di vacanze e tempo libero

      Inoltre per l’erasmus ti mancano ancora 7-8 anni quindi hai un bel po’ di tempo per prepararti ; )

  11. Eleonora dice:

    Non pensavo di trovare così tanta motivazione leggendo un articolo… primo grazie che ti devo :) Te ne devo anche altri però, perché sto già scaricando Anki, di grammatica inglese ne ho una “Grammar Spectrum”, pensi vada bene? Sto scaricando anche dei podcast per ascoltare inglese in giro e ti dirò… il mio obiettivo è quello di entrare all’università di Psicologia di Roma, a settembre…nel test, a numero chiuso, c’è anche comprensione inglese, e nel corso dell’anno accademico sarà una delle materie che mi troverò a studiare giornalmente…quindi, visto che capisco poco e niente dell’inglese, e visto che so formulare solo le frasi basilari (penso che mi manchino soprattutto vocaboli, perché quando mi esercito nella scrittura mi blocco proprio perché non so come si dice qualcosa..ma anche la grammatica devo rafforzare un po’..), ho deciso di impegnarmi seriamente da domani fino al giorno del test d’ingresso… secondo te, Anki può essere usato anche per imparare altre materie? Grazie, quindi, per tutte questi consigli :) e scusa per le troppe domande e per il mio essere logorroica ahah potevo scrivere in due parole un discorso che, invece, è diventato lunghissimo…. quanto vorrei riuscire a scrivere così in inglese!

    • Furio Fu dice:

      Ciao Eleonora,

      1) La grammatica che hai citato non la conosco

      2) Tra 10 giorni dovrei pubblicare un articolo specifico sul vocabolario

      3) Sì, se fossi ancora uno studente utilizzerei anki per diverse materie. Leggeti l’articolo che linko da questo post (è sempre scritto da me) dove spiego perché tale metodo di appprendimento è superiore (quando si tratta di imparare in maniera meccanica, come per il vocabolario, le date delle guerre o le formule matematiche).

      Facci sapere come va!

      • Eleonora dice:

        Certo! Per iniziare con Anki quali file mi consigli? Devo scaricarle suppongo e non so dove trovarle e come sceglierle…

        • Furio Fu dice:

          Per scaricare un mazzo devi aprire Anki e cliccare su Get Shared (in basso).

          A questo punto dovrebbe aprirsi una finestra sul browser (firefox, chrome etc) con una serie di mazzi da scaricare. Scegli il mazzo, vai su Info->download.

          In questo modo dovresti riuscire a scaricare il mazzo.

          Poi vai su File – > Import e cerchi il mazzo che hai appena scaricato (se non sai dove lo hai scaricato vai su start -> cerca programma o file e scrivi il nome del mazzo per vedere dov’è).

          Una volta che trovi il file tramite la funzione “import” cliccaci su e vedrai il mazzo apparire su Anki

          Per quanto riguarda la scelta del mazzo non saprei perché io lo utilizzo sopratutto per il cinese e inoltre non conosco il tuo livello di inglese. Scaricane alcuni e scegli quello più adatto a te : )

  12. andrea dice:

    grazie mille Marta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  13. andrea dice:

    quando scarichi un mazzo dopo ti viene fuori la domanda….
    ma come si fà a rispondere o a passare ad un’altra domanda?????

    • Furio Fu dice:

      Ciao Andrea,

      ti basta cliccare sul pulsante “show answer” per visualizzare la risposta. Poi, a seconda di come valuti la tua conoscenza della flashcard dovrai darti un voto:

      “Again” vuol dire che non hai saputo rispondere (e quindi Anki ti rimostrerà la flashcard entro dieci minuti)

      “Hard” vuol dire che sei riuscito a rispondere ma ci hai dovuto pensare. In questo caso Anki capirà che dovrà mostrarti la flashcard entro qualche giorno.

      “Good” o “Easy” vuol dire che conosci già la risposta e che quindi Anki non deve riproporti tale flashcard troppo presto.

      • marta dice:

        vi dico un segreto, ma mi raccomando non ditelo a nessuno… Anki si può impostare in Italiano e ha un manuale d’istruzioni a cui si accede cliccando su aiuto in italiano e chiarissimo.. ma mi raccomando.. shhhh

        • Furio Fu dice:

          azz e io che, vista la tonnellata di domande su Anki che sto ricevendo qui e su Sapore di Cina, già pensavo di scrivere una guida haha

  14. V@le dice:

    Ivan, grazie mille per i tuoi consigli…grazie di cuore!
    In questo momento io mi trovo in Irlanda e oggi, per caso, mi sono imbattuta nel tuo sito! Consigli utilissimi davvero! Io ormai sono da poco più di 6 mesi qua ma fino ad ora non mi sono mai messa a studiare inglese per vari motivi! Mi sono dovuta ambientare prima in questo nuovo paese, nuova lingua, nuova cultura, nuovo cibo e chi più ne ha, più ne metta e poi per altre mie ragione personali ma nonostante ciò ho fatto dei bei progressi! Sono partita che non sapevo formulare una frase di senso compiuto e ora sono a un livello intermedio…quindi va benissimo!Ma ora non voglio solo parlare con la gente, voglio studiare, guardare film e tutti i consigli che ci hai dato li voglio prendere in considerazione! QUINDI TRA UN ANNO SAPRò GUARDARE UN FILM SENZA SOTTOTITOLI! Yep!
    Grazie ancora, grazie mille!

    • Ivan dice:

      Hey Vale,

      I spent 3 weeks in Dublin in 2008, wonderful place! I think Ireland is a good place to learn English cause they have a quite standard accent ; )

      p.s. Next monday I’ll publish an article on how to read English novels (even if you English is still… work in progress)

      • V@le dice:

        Oh great, good news!
        Sincerely, I don’t like so much Dublin, after few days it seems like the another big city…but I love spend the night in this one!
        I prefer the countryside and I’m “working” like woofer!Have you ever heard about it? I live in Milan and I love my city but when I came to Ireland,in the countyside, I saw this beautiful landscape, I said to myself “wow, this is Ireland…not Dublin, not Cork.”I love this country…
        However, I think that Ireland is a good place for me because I need to warm people and the Irish are fantastic! how you said, they have a quite standard accent and for the moment it is good!
        GOOD STUFF IVAN!

        • Ivan dice:

          haha rido perché non avevo mai sentito parlare di woofer e in meno di 24 ho parlato con te e una ragazza che ospita woofers nella sua fattoria in Canada.

          Mi sembra un concetto interessante, se hai voglia e tempo potremo organizzare un’intervista qui sul blog, fami sapere!

          • V@le dice:

            Mavá…che coincidenza!
            Si, lo è davvero e poi puó essere un punto d inizio per chi, come me inizialmente, è a un livello elementare!
            Volentieri Ivan, sarei felicissima di poter aiutare qualcuno perchè purtroppo non se ne parla tanto di questa esperienza. Tutti sanno cos è un au pair ma non woofing e personalmente, avendo provato tutte e due, non c è paragone.
            Io sarei anche disponibile domenica sul tardo pomeriggio oppure fammi sapere te quando puoi mi organizzo.

          • Ivan dice:

            ok, mi informo un po’ sul tema e poi ti scrivo una email ; )

  15. Giuseppe dice:

    Ciao Ivan,
    complimenti per questo blog è veramente interessante, ho passato quasi una notte a leggerlo :-) , e complimenti anche per la tua carriera di vita fino ad ora perchè sei riuscito a fare tante cose che molti vorrebbero fare.

    Comunque per quanto concerne il libro di grammatica che hai consigliato ho saputo che è scritto interamente in inglese, per uno studente come me che non ha mai fatto bene la lingua inglese e a stento conosce 2 parole, non sarebbe meglio usare il libro Grammar Spectrum che è scritto sia in ital che in inglese, o tu consigli che è meglio partire subito in quinta con uno interamente in inglese anche senza possedere una minima ( nel mio caso minimissima :) ) preparazione in inglese?

    Grazie per la risposta, un consiglio vorrei dartelo anch’io : affina al Signore i tuoi sogni, ed avranno successo.
    Ciao.

    • Ivan dice:

      Ciao Giuseppe,

      io avevo iniziato direttamente con una grammatica inglese visto che la prima esperienza era stata una scuola estiva a Londra:

      http://nonvogliolavorare.it/come-apprendere-inglese-in-cinque-settimane/

      Però ti consiglio di fare come ti senti, è inutile che ti compri una grammatica in inglese se poi non la usi ; )

      Credo infatti che il punto più importante sia quello di mettere il culo sulla seria e dedicarci del tempo.

      Per quanto riguarda il Signore, rispetto il tuo punto di vista ma io preferisco affidarmi a me stesso : P

      A presto

  16. tore dice:

    ciao giovane.Non ti fai proprio mancare niente!

  17. carolina dice:

    Ciaooooo!!! prima del 19 luglio nn riuscirò a concentrarmi sull’obiettivo “migliora l’ inglese” visto che ora c’è “passa gli ultimi esami e completa il percorso”!!!mi hai dato ottime idee…parto da un livello B2 e ho già un corso che acquistò il mio ragazzo… la motivazione c’è visto che sarò ad agosto in corea e ad ottobre in america… insomma dal 19 luglio inizio a studiare inglese e perdere 10kg… oggi provo gli scatti in corsa…dopo il mio amatissimo allenamento ammazza stress! grazieeee!

  18. Salvo dice:

    Ciao Ivan..potresti spiegarmi come chattare gratis su “My Language Exchange” è abbastanza confusionario oltre che non esiste la versione italiana ..perché è da due giorni che ci provo con scarsi risultati …Sembrerebbe che bisogna pagare e che non sia gratis..e poi non mi permette di accedere con Chrome ma solo con l’Explorer. Per quanto riguarda i film per cominciare dovrei guardarli con i sottotitoli in italiano e l’audio in Inglese se non ho capito male, giusto? E Anki, bhè, anche quello me lo devo studiare per capire come utilizzarlo nel modo più efficace. Ma per la chat se non ti dispiace potresti darmi qualche dritta? …Grazie, ciao!

    • Furio dice:

      Sì,

      forse non mi sono spiegato bene. Con l’iscrizione gratuita bisogna aspettare che qualcuno ti contatti. Se vuoi prendere l’iniziativa devi fare l’upgrade alla versione a pagamento. L’anno scorso costava 2 Euro quindi mi sembra una spesa più che accettabile. You get what you pay!

  19. Ari dice:

    scaricato tutto… anche se il programma anki devo studiarlo bene…nn mi è ancora chiarissimo…ce la faremo a imparare l’inglese?? in bocca al lupo a chi come me inizia da adesso….

  20. Valeria dice:

    Gran bella pagina! Felicissima di averla incrociata sul web per caso :) utile persino per chi come me l’inglese lo insegna! Seguite i consigli di Furio Fu perché funzioneranno, parola di professoressa!!

    • furio dice:

      haha grazie Valeria, questa tua recensione dovrei metterla all’inzio dell’articolo ; )

  21. Marcospider dice:

    ciao complimenti per l’ottimo articolo :) volevo un piccolo consiglio: guardando una serie tv in lingua inglese è meglio avere i sottotitoli in inglese oppure in italiano?

    • furio dice:

      Ciao, è meglio senza sottotitoli : P

      Dipende però dal tuo livello. L’importante è non annoiarsi. Se ancora non riesci a capire con i sottotitoli in inglese inizia con quelli in italiano (io avevo iniziato così).

      Poi passa a quelli in inglese appena ti senti pronto

  22. Cristian dice:

    Grazie Furio!!! Blog fantastico!!!
    spero proprio di riuscire ad imparare l’inglese…
    mi sapresti consigliare per uno che parte da zero quale “mazzo” usare per Anky?

    Ciao

    • furio dice:

      Hey,

      preferisco non consigliarti un mazzo specifico perché io utilizzavo Anki per il cinese, non l’inglese. Inoltre dipende molto dal tuo livello di inglese attuale!

      Ti consiglio di scaricarne vari (sono gratuiti), provargli e poi tenerti quello che fa per te

  23. Angelo dice:

    Ciao,
    la lettura di qst blog mi può aiutare ad imparare l’ inglese o dare cmq un incoraggiamento a chi volesse farlo.
    Volevo chiederti se c’ è un alternativa all’ uso delle flashcard, perchè non riesco bene
    a capire sto Anki(ho già letto il relativo articolo “Anki: una scorciatoia per imparare il cinese”) e credo ke impiegherei molto tempo a imparare ad usarlo, tempo ke preferisco usare per imparare direttamente l’ inglese.
    Potresti inoltre suggerirmi un piano settimanale che impieghi 6 giorni la settimana per un ora di studio e che eviti l’ uso delle flashcard? Grazie in anticipo.

    • furio dice:

      hmmm le flashcards sono utili per ricordare quello che si impara, sicuramente non essenziali visto che io ho imparato tre lingue straniere prima di “scoprirle.”

      A te la scelta!

  24. Dario dice:

    Ciao Ivan, innanzitutto veramente complimenti, questo è veramente il blog perfetto per chi come me vorrebbe iniziare a viaggiare. Come primo obiettivo mi sono preposto ovviamente il perfezionare la lingua inglese…me la cavicchio, ma non mi sento molto pronto. Volevo chiederti…riguardo al libro che hai citato..”english grammar in use” è completamente in inglese? Nel senso…va bene per una persona con una conoscenza da scuola superiore?

    • furio dice:

      Ciao Dario, sì, la grammatica è in inglese.

      E sì, lo consiglio anche e sopratutto ai principianti (io ho iniziato da lì).

  25. teo dice:

    Per prima cosa, complimenti per il blog. Personalmente (ma credo anche gli altri utenti) apprezzo molto il fatto che rispondi singolarmente ad ogni utente.

    Mi piace l’idea di utilizzare le flash-card create personalmente, in quanto altri siti permettono l’uso di flash-card pre-impostate che (secondo me) servono poco.
    Oltretutto il metodo di “porsi obiettivi” potrebbe essere quello giusto per me (svogliato cronico).
    Grazie mille dei consigli!

    • furio dice:

      Sì, dipende anche da il livello,

      all’inizio magari quelle pre impostate non sono male per ampliare un po’ il vocabolario; poi ognuno dovrebbe concentrarsi su quello che gli interessa di più, quindi magari quelle personalizzate sono più efficaci

  26. Cris dice:

    Ciao! Ho scaricato Anki, e vorrei chiederti un consiglio…la cosa che mi disorienta un pò è che ci sono decine e decine di opzioni e statistiche…ora io ti chiedo, secondo te vale la pena metterci mano e modificarle, o le impostazioni standard del programma vanno bene?

    • furio dice:

      Ciao,

      sì io inizierei con le standard. Al massimo se ti accorgi che qualcosa non ti piace dopo puoi modificare caratteristiche precise

      • Cris dice:

        Grazie! Un’altro dubbio. Che tu sappia, esiste un modo per copiare tutte le carte di un mazzo in un altro mazzo (cioè fondamentalmente creare un duplicato del mazzo) e “invertire” tutte le carte di un mazzo?

        In modo tale che uno possa esercitarsi sulle stesse parole sia da inglese in italiano e viceversa…non sono ancora riuscito a trovare una funzione del genere…

  27. Elena dice:

    Ciao F.
    interessante ti comunico che entro a far parte di quel
    UNO PER CENTO
    E.

  28. Matteo dice:

    Ciao Ivan

    utile e bell’articolo! Sono giusto adesso tornato dalla seconda lezione (un’ora) di “conversation” con una mia vicina madrelingua inglese e non ti dico lo scoramento!
    Ho studiato inglese al liceo e poi all’università ma capirlo e parlarlo è davvero un’altra cosa. Se contiamo, poi, che dopo gli studi l’ho abbandonato completamente va da sè che anche la grammatica e, soprattutto, il lessico sono davvero arrugginiti. In sintesi capisco poco e parlo ancora meno! La lettura di quanto hai scritto ha il merito, almeno, di avermi rimotivato. Il problema è che vorrei essere in grado di sostenere un colloquio in lingua e di essere nelle condizioni di poter iniziare a fare quello che vorrei davvero: far carriera nel mondo alberghiero. Continuo a posticipare il mio ingresso in quel mondo perchè mi si chiede un inglese fluente e, il mio, non sembra essere nemmeno inglese, figuriamoci fluente! Dici che sei mesi possano essere sufficienti tenendo conto che parto da un livello B1.2 (così dice il british council) e che posso dedicare una dozzina di ore settimanali allo studio?

  29. Valyx dice:

    Ciao,
    ho scoperto il tuo sito per caso e lo trovo molto interessante!
    Questo post mi è stato utilissimo perchè conosco abbastanza bene la grammatica inglese ma faccio molta fatica a parlare ( un pò timidezza ) perchè non so molti vocaboli..mi farò un bel piano e ti farò sapere i progressi!
    Grazie mille per l’aiuto,

    Valentina

  30. Rosanna dice:

    Ciao Ivan :)
    Grazie mille per i consigli…….a parer mio sono molto utili!
    Mi piacerebbe tanto imparare inglese. Il mio è un inglese scolastico (quindi quello base) e sto cercando di migliorare…..anche perchè mi piacerebbe comunicare con un mio zio in Irlanda anche nella sua lingua! A me piace molto l’inglese..per me è una passione!
    Come grammatica, sto seguendo le lezioni su youtube del prof Gelasio da Teramo (non so se conosci)……mi sembrano ottime! Se conosci, che mi dici? Ora ho abbandonato un pochino perchè a fine mese ho gli esami e sto studiando (vado all’università). Ma il mio dubbio è: una volta finita la grammatica e anche imparata bene, qual’è il passo successivo per migliorare sempre più l’inglese? Cioè, non so come proseguire una volta che ho finito tutte le lezioni di grammatica. Mi piacerebbe tantissimo imparare e sono abbastanza motivata! Mi puoi consigliare tu per favore? Dopo aver terminato la grammatica, come proseguo? In che modo?
    Grazie mille e scusa il disturbo
    Buona serata :)

    • furio dice:

      Ciao… personalmente non ho mai studiato la grammatica inglese (in effetti me la cavo abbastanza male anche con quella italian ahaha).

      Se non hai la possibilità di trasferirti in irlanda o inghilterra per un periodo ti suggerisco di guardare tanti film e serie TV. Io ho imparato così.

      • Rosanna dice:

        Ma senza un minimo di grammatica come si fa? Credo che la grammatica sia utile, sopratutto per quando si usano i tempi verbali! Tu senza grammatica sei riusito ugualmente nell’intento? Molti mi hanno suggerito di guardare film e serie Tv (inizialmente con i sottotitoli)….un mio amico ha imparato l’inglese da autodidatta e il 70%% della lingua la imparata proprio cosi! Una volta terminata la grammatica, mi guarderò dei film in lingua inglese e vediamo un pò come me la cavo. Grazie mille…….gentilissimo :) :)

  31. fragolaboy dice:

    ciao, ma in mylanguageexhange c’è un modo per contattare gli utenti senza dover pagare?!

    • furio dice:

      E’ spiegato nell’articolo

      • fragolaboy dice:

        ho letto..purtroppo nessuno mi ha mai contattato dopo mesi, dovrò pagare per forza..è davvero seccante dover pagare a tempo e non a numero di utenti contattati!

  32. R&D dice:

    Ciaoooooooooooooo, questo articolo è fantastico. Non ho ben capito come funziona Anki e le flashcard, potresti aiutarmi? Io ho un iphone/ipad.

    Grazieeeeeee

  33. Igor dice:

    Pronto a scaricare queste Flashcards! Sono all’ultimo esame della mia carriera universitaria e le sto provando davvero tutte (è la terza volta che dò questo esame)!!
    E’ già da settembre che faccio di tutto per migliorare e sembra (forse) che un po’ lo sia, grazie anche a delle ripetizioni.. speriamo bene! :D

  34. Sara dice:

    Ho 16 anni, frequento il terzo anno di un istituto tecnico per il turismo, oltre alle cosiddette materie di “specializzazioni”, con la quale per fortuna non ho problemi , mi tocca anche studiare tre lingue (francese, inglese e spagnolo). Con lo spagnolo per fortuna non ho problemi, è una lingua che mi affascina e che ho già studiato per 3 anni alle medie. L’inglese, lo studio da quando vado all’asilo ma è già tanto che sappia dire il mio nome e la mia età. I problemi con l’inglese sono iniziati da quando hanno aggiunto altri tempi verbali oltre al presente (unico tempo verbale che conosco davvero). Ora spero davvero di riuscire ad imparare l’inglese e speriamo anche il francese grazie a questi tuoi consigli. Ti farò sapere ;)
    E complimenti davvero per il tuo sito web”

    • furio dice:

      Ciao cara,

      sei così giovane… anch’io pensavo che l’inglese fosse impossibile ma poi l’ho imparato : )

      • Sara dice:

        Volevo solo chiederti un consiglio, ho installato Anki ma non riesco a trovare mazzi che potrebbero interessarmi per lo studio dell’inglese, partendo dalle basi, giusto per ripassare, sapresti aiutarmi?

        • furio dice:

          Dipende dalle tue esigenze… continua a cercare, ci sono tantissimi mazzi già pronti sulla base di dati di Anki

  35. Silvia dice:

    Ciao!ottimo articolo! Sto frequentando un corso d’inglese per rispolverarlo…Magari d’ora in avanti guarderò i film in inglese…anche se sono difficile da capire gli attori…parlano troppo veloce!

  36. sabrina dice:

    Ciao complimenti per l’articolo è molto interessante e penso possa essere anche efficace! Io sn una ragazza di 18 anni e frequento l’ultimo anno delle superiori. Il mio inglese e pessimo, sono 5 anni che vado a recupero di inglese con scarsissimi risultati poiché non ho mai trovato gente realmente competente che mi abbia realmente insegnato l’inglese ;oviamente alcuni progressi ci sono stati ma non sono sufficienti per comprendere un film in inglese o un testo di unancanzone. Per questo motivo voglio provare il tuo sistema e se avro avuto successo al termine del mio obbiettivo t scriverò pero in inglese ;D

  37. Gaia dice:

    Ciao ho letto il tuo articolo sino alla fine, questo perché purtroppo ho scoperto troppo tardi che il mio caro odiato inglese mi serve per fare ciò che più amo nella vita , cioè poter entrare nella facoltà di lingue orientali e studiare il Giapponese e il Coreano e chissà poter vivere li un giorno, purtroppo non ho mai prestato molta attenzione alle lezioni d’inglese in classe , certo molto spesso quando la professoressa parla in lingua la comprendo, questo perché comunque parla di letteratura e non ho moltissimi problemi a capire il senso del discorso ma quando a parlare sono le persone strani eh eh , li casca l’asino… spero vivamente che questo auto educare se stessi a studiare ogni giorno funzioni e che entro agosto riesca a parlare e leggere in maniera elementare, ormai sono davvero alla fine e non posso più rimandare oltre, il tempo della testa per aria è finito chissà se ciò mi aiuterà. grazie per ciò che hai scritto.

  38. Andrea dice:

    mi hai ispirato a pormi un obbiettivo serio finalmente! punto a laurearmi a luglio e poi partire per il UK, Londra, a studiare per l’estate… sono ad un livello sufficiente d’inglese per viaggiare e non ho mai avuto problemi, ma da qui a poter seguire un corso universitario ne passa…
    da ormai un mese faccio: circa un film al giorno (eng sub eng); leggo un libro in inglese con audiobook in inglese nelle orecchie; frequento un corso di inglese; uso anki… sono motivato! grazie dei consigli!

  39. Giuseppe dice:

    Ciao :) articolo utilissimo ma vorrei chiederti alcuni consigli! Premetto che sono un ragazzo di 15 anni con grande voglio di imparare la lingua. È da 3 giorni che guardo film in inglese, ma non capisco molto( su altri siti dicevano di continuare che all’inizio non capire è normale).Mi consigli si vederli con i sottotitoli o continuare a vederli senza? Se con i sottotitoli, in italiano o inglese?

    • furio dice:

      Ciao,

      l’importante è non annoiarsi! Utilizza i sottotitoli anche in italiano se con quelli in inglese ancora non riesci a capire niente

      • Giuseppe dice:

        Okay grazie:)

        • Giuseppe dice:

          Ultima domanda! A settembre 2015 andrò 3 settimane in Australia tramite un gemellaggio fatto con la scuola e con il ragazzo che mi ospiterà dovrò andare anche a scuola, quindi vorrei già riuscire a parlare è capire molto bene l’inglese. Con la grammatica sono messo bene anche perché a scuola ho anche ottimi voti a scuola. Vedendo un film al giorno per 1 anno e mezzo riuscirò ad ottenere un buon risultato??

    • Giuseppe dice:

      Ciao:). Ho seguito il tuo consiglio è ho visto una decina di film e la prima stagione si un telefilm con i sottotitoli in italiano! Ora vorrei iniziare a vedere film con i sottotitoli in inglese, ma non riesco a trovarne da nessuna parte. Sai per caso siti per lo streaming sub eng?

  40. claudio dice:

    ciao ivan,vorrei imparare l’inglese da casa ,sono “over55″ e non so una cippa di inglese,le splendide risorse che metti a disposizionen sono tutte in inglese e per me è un problema utilizzarle dato che veramente non so nulla di inglese.
    non hai qualche cosa da inviarmi proprio per iniziare?
    grazie

  41. Riccardo dice:

    Il tuo articolo è ben fatto, mi ha molto colpito.
    Centri con precisione chirurgica i nodi fondamentali per ottenere risultati decenti .
    Affrontare una nuova lingua non è semplice per nessuno, ma se il tutto viene fatto con la giusta motivazione e soprattutto con un minimo di criterio e consapevolezza, beh, i risultati arriveranno, arriveranno eccome.
    Riassumendo: MOTIVAZIONE – INTERESSE – ESERCIZIO – PRATICA – COSTANZA sono le cose che fanno la differenza. IN TUTTO.
    Ottimo articolo! Ciao!

  42. chiara dice:

    “The best English” is HILARIOUS!! non riesco a smettere di ridere!! complimenti per l’articolo e per il sito in generale

  43. claudio dice:

    purtroppo mi ero ripromesso di studiare inglese nei tempi morti in ufficio,ma parecchi link non aprono per blicchi di sicurezza (dovuta a non si sa che), se riesci a mandare qualcosa di “consono” alla mia azienda..se no la sera a casa
    ciao

  44. gabriele dice:

    francamente i mazzi ankidroid sono tutti pessimi… non riesco a trovarne uno decente… se qualcuno può indicarmene uno intermedio valido ne sarei grato..grazie

  45. Fily1212 dice:

    Mi sono rimesso a leggere l’articolo per altri obiettivi, però la parte sul segnarsi un obiettivo, usare un calendario e segnarsi quando si è stati bravi, fare un check dei progressi periodicamente ecc, credo sia universale anche per altri obiettivi.

    Grazie, ho appena letto (riletto anzi) un articolo motivante

    • Furio Fu dice:

      : )

      • davide dice:

        Ciao…grande ivan davvero e complimenti! Hai scritto cose utilissime…vorrei approfittarne per chiederti un consiglio.Mi sto approccia ndo al cinese ed ho una domanda banale da farti.
        Credi che imparare questa lingua affascinante, con la prospettiva di un lavoro che abbia a che fare con la conoscenza del cinese,possa bastare il parlato?O necessariamente bisogna andare di pari passo con anche la lettura e scrittura?Se lo studiassi solo come parlato utilizzando le traslitterazioni con il nostro alfabeto pensi basterebbe per un futuro lavoro di mediatore o traduttore?Ovviamente parlo solo della lingua cinese e non di tante altre dove la scrittura non è un impresa cosi titanica.In attesa di una tua gentile risposta…ciao,Davide.

        • Furio Fu dice:

          Assolutamente no. Non solo non ti basterebbe il parlato, la realtà è che non è possibile imparare il cinese (parlo di impararlo davvero, non di saper dire qualche frase) senza conoscere i caratteri in quanto sono parte integrante della lingua. Il cinese ha solo 200 suoni che si ripetono all’infinito, l’unico modo per capire la differenza e ricordarsi delle varie parole è quello di associarle visivamente ai caratteri.

  46. Matteo dice:

    Ciao Ivan, complimenti per l’articolo… Io amo l’inglese, l’ho studiato e approfondito per conto mio sin dalla terza media, e tutto quello che so ora di certo non lo devo a quanto mi hanno insegnato a scuola.

    Ora studio Lingue e letterature straniere (inglese e spagnolo), guardo film e serie TV in lingua originale con i subs inglesi ma cavolo, ancora non riesco a capire bene tutti i dialoghi.

    Sarà anche perché la maggior parte della roba che vedo è americana, quindi leggermente diversa dall’inglese che ho imparato io, che alla fine è quello standard. Ma come si fa a padroneggiare una lingua straniera? Quanto tempo ci vuole?

  47. Andrej dice:

    La tua guida è una manna dal cielo!
    Anyway, non riesco a capire come si fanno a invertire le carte di tutto il mazzo! :( sono costretto a invertire una per una ed è abbastanza stressante! Vorrei invece invertire tutte le carte in una mossa sola ahah puoi aiutarmi? inoltre come posso creare un mazzo mio personale copiando determinate carte da mazzi già scaricati? si può fare? se sì, come? Ti prego aiutami che sto impazzendo :/

    Grazie, Andrej

    • Furio dice:

      Ciao, se leggi i commenti in alto Marta spiega come scaricare la guida di Anki in italiano, se mi ricordo bene

Trackbacks

  1. [...] settimane fa ho scritto un articolo su come imparare l’inglese da casa. Oggi vorrei parlarti di come l’ho imparato io per convincerti che, a patto di avere le [...]

  2. [...] ho già scritto nell’articolo dedicato allo studio dell’inglese, misurare i tuoi risultati è la chiave per non [...]

  3. [...] Non Voglio Lavorare torna ogni lunedì. Si parte dopodomani con un articolo su come imparare l’inglese da casa. [...]

  4. [...] gente ha paura di lasciare l’Italia perché “non parla le lingue.” Qual’è la tua esperienza personale? Pensi che la lingua possa essere un problema in ambito [...]

  5. Ottenere link per posizionare il tuo sito web sulla prima pagina di Google scrive:

    [...] L’unico modo per ottenere attenzione è quello di fornire risorse utili, aggiornate e fuori dal comune. Ecco un esempio pratico. [...]

  6. [...] funziona solo se abiti all’estero o se stai seguendo una scuola di lingue. Se invece stai studiando l’inglese da casa dovrai limitarti ai primi [...]

  7. [...] fare un’esperienza all’estero, possibilmente in un paese anglosassone, in modo da migliorare il mio inglese. Purtroppo non ho i soldi per mantenermi né una specializzazione che mi permetta di trovare [...]

  8. [...] potresti sfruttare tale somma per investire in te stesso, imparare le lingue, web design, marketing, finanza, o qualsiasi altra competenza che potrebbe aiutarti a migliorare la [...]

  9. […] a quell’articolo che ho deciso di scrivere questo..uhmmm, elenco di passi? comunque sia, http://nonvogliolavorare.it/imparare-l-inglese-da-casa/ , mi è simpatico il tizio. Spero abbia anche ragione. Dice di preparare un piano dettagliato,lo […]

  10. […] c’è da dire che non sono più in vena di pubblicare guide pratiche come quella su come imparare l’inglese, su come perdere 10 Kg o su come preparare un […]

Lascia il tuo commento

*