Come creare un bizness di successo nella nicchia giusta per TE

“Al posto di sognare le tue prossime vacanze costruisciti una vita da cui tu non senta il bisogno di scappare” Seth Godin

Se sogni di lasciare un giorno il tuo tedioso lavoro d’ufficio e lavorare a quello che ti piace allora quest’articolo potrebbe interessarti.

Qui alla redazione di Non Voglio Lavorare (ovvero il mio portatile) ci lasciamo spesso andare a voli pindarici sulla creatività, la crisi o il significato della terza rivoluzione industriale.

Forse è per questo che riceviamo spesso e-mail del tipo:

Caro Furio,

io vorrei iniziare un bizness però sono un po’ confuso su cosa fare… dici spesso che bisognerebbe seguire le nostre passioni… a me piace la pizza, i Pokémon e il mirto Zedda & Piras. Secondo te dovrei aprire un ristorante e chiamarlo Pikachu?”

La passione non basta

Se la passione fosse il solo ingrediente necessario per sviluppare un business di successo questo sito web mi avrebbe già fatto diventare miliardario. E invece, nonostante mi dia tante soddisfazioni, soldi zero!

Oggi vorrei parlare di una “ricetta” che seguo da un po’ per valutare se un business abbia potenzialità di successo o meno. Premetto che non si tratta di farina del mio sacco, bensì di un concetto chiamato “hedgehog” (il concetto del ricco) e portato alla ribalta da Jim Collins nel bestseller “Good to great” (che in italiano è chiamato “O meglio o niente“).

Gli esempi che illustrerò sono però tratti dal mio percorso ed esperienza personale.

La ricetta per il tuo business

Dovrai solo rispondere in maniera onesta alle tre domande seguenti:

  • Cos’è che ti appassiona più di qualsiasi altro argomento?
  • Cos’è che sai fare meglio di chiunque altro?
  • Tra i servizi che puoi offrire, qual’è quello per cui la gente sarebbe disposta a pagare?

Ecco, se trovi una nicchia che rispetti contemporaneamente questi tre criteri sei a cavallo. Prima di dare un’occhiata più da vicino a ciascuno dei tre criteri, vediamo un esempio per chiarirci le idee.

Gianni è un appassionato di informatica, pallavolo e uncinetto.

Inoltre è un mago con il computer, fa il commercialista, ha vinto il concorso di punto croce e canta benissimo. Nonostante non si perda una puntata di Mila e Shiro (i maghi della pallavolo), Gianni nello sport è una schiappa e quando fanno le squadre è sempre l’ultimo ad essere scelto.

Domanda. Seguendo i criteri che ho elencato, cosa potrebbe fare Gianni per lavorare a qualcosa che lo appassiona e, allo stesso tempo, massimizzare le proprie possibilità di successo?

E’ bravo con i numeri ma fare il commercialista non è mai stato il suo sogno. Ok, con il punto croce non ha rivali ma in quanti sarebbero disposti a pagarlo per un servizio del genere?

Al giorno d’oggi qualsiasi impresario ha bisogno di un sito web ed è disposto a pagare per ottenerlo. E Gianni è sia un appassionato che un esperto di informatica. Ecco, e se facesse il webdesigner?

Passione + Capacità + Utilità: Bingo!

Come vedi il principio è semplice, vediamo però come metterlo in pratica in maniera sistematica.

Cosa ti appassiona?

Il primo passo è quello di fare una lista degli argomenti che ti appassionano. Ecco la mia (risale alla fine del 2011 ma non cambiata):

Viaggi, Lingue straniere, Fotografia, Musica, Scrittura creativa, Asia, Sud America, Fitness, Insegnamento, Business e Marketing.

Attenzione a cosa inserisci nella lista perché ci sono nicchie che, anche se ti appassionano, ti costringeranno a stravolgere il tuo stile di vita. Io ad esempio non voglio essere legato a un posto di lavoro fisso. Aspiro cioè ad avere la libertà di spostarmi dove voglio.

Quindi qualsiasi tipo di business che richieda la mia presenza costante in un dato luogo è da scartare a priori (indipendentemente dal livello di passione, capacità o profitto). Non ho però problemi a lavorare nei week end o, se serve, sedici ore al giorno per un mese di fila.

Tu avrai dei vincoli certamente differenti. Tienine conto!

Cosa sai fare?

Non devi per forza essere un super esperto. Devi però avere la confidenza di poterlo diventare o la qualità dei tuoi servizi ne risentirà (e così pure i tuoi profitti).

Ma torniamo alla mia lista:

Fotografia. A livello amatoriale penso di difendermi abbastanza bene. Però so che non sarò mai un professionista perché non ho la costanza necessaria. Scartata!

Musica. Sono più stonato dei Back Street Boyz e non ho alcun interesse nell’imparare a utilizzare uno strumento musicale. Scartata!

Sud America. Mi dicono che parlo spagnolo come un argentino e, da buon mediterraneo, mi “sento” più Sud Americano che Nord Europeo. Ho però speso solo un mese della mia vita in Sud America, non posso certo affermare di essere un esperto. Scartato (per ora).

Fitness. Adoro fare sport e penso di riuscire a comunicare principi e movimenti abbastanza bene. Però ho la tendenza a infortunarmi facilmente. Non penso quindi che potrei lavorare in questo campo. Scartato!

Insegnamento. Ragazzi io ci ho provato. Ed ero persino arrivato ad insegnare all’università. Avevo però troppi problemi irrisolti e non stavo bene. Il primo problema era che non sarei mai potuto tornare in Italia. Il secondo era che insegnare, quando si lavora in università, rappresenta solo un quarto del lavoro. Devi pero passare gli altri tre quarti del tempo a scovare finanziamenti, fare “ricerca” scientifica (spesso finalizzata ad ottenere più finanziamenti) e destreggiarti in “politica.” E francamente, se proprio devo fare politica allora mi candido in parlamento così almeno abito a Roma, mi circondo di puttane e vado in giro con l’auto blu. Scartato!

Tra i servizi che posso offrire, qual’è quello per cui la gente sarebbe disposta a pagare?

Asia, Business e Marketing: Cinaimportazioni.it, un progetto che è appena partito, è un qualcosa che avevo in mente da diverso tempo.

Non ho fatto analisi di mercato specifiche prima di realizzarlo perché, come ho detto, desideravo fare un’esperienza del genere. Penso però che si tratti di un servizio per cui la gente sia disposta a pagare visto che risolve un problema specifico e inoltre c’è tanta concorrenza (tanta concorrenza = tanti $$$ che cambiano di mano).

(p.s. oggi giorno, grazie a internet, valutare se una nicchia è redditizia o meno non è difficile né dispendioso, ma questo è un tema che conto di trattare in un articolo che pubblicherò tra qualche settimana)

Perché ho aspettato tanto a lanciare il sito?

Quello che mi ha sempre bloccato è che non sono un esperto di importazioni (no, non è un dettaglio). E non mi va di fregare la gente. Ecco perché ho trovato un business partner che ha passato gli ultimi quattro anni a fare esattamente questo, l’importatore. I dettagli della storia li trovi qui.

Il modo in cui stiamo approcciando il business dell’import è abbastanza nuovo (la parola “rivoluzionario” è inflazionata) quindi non è garantito che avremo successo. Però hey, se non ci provi come fai a scoprirlo?

“Il momento giusto per iniziare a pubblicizzare il tuo libro è tre anni prima che sia dato alle stampe,” Seth Godin

Sì, un’altra citazione di Seth.

Viaggi, Lingue straniere, Scrittura creativa, Asia: Saporedicina.com. Che, se sei nuovo qui a NVL, forse non conosci.

E’ il mio primo sito web e nasce dall’idea di sviluppare una piattaforma, e quindi creare una reputazione e un audience, che mi permetta di pubblicare libri e, in particolare, romanzi legati all’Asia senza dover per forza dipendere da una casa editrice (odio dipendere da qualcun altro forse più di quanto odio gli indifferenti).

Occhio, anche se per me va bene così perché si tratta di un progetto sopratutto artistico, un sito come Sapore di Cina NON è un buon modello di “business” se sei interessato a fare soldi in fretta.

Se vuoi guadagnare 1000 Euro al mese online entro tre/sei mesi ti consiglio di scegliere qualcosa di MOLTO più pratico come un sito che venda orologi o un corso che insegni ad addestrare i cani.

Domande? Dubbi? Commenti?

p.s. Noto che tanti blog stanno andando in vacanza per l’estate. Quindi, se te lo stessi chiedendo, no, NVL non va in vacanze quest’estate ; )

Iscriviti e Scarica gli e-Book, è Gratis!
Iscriviti e scarica "21 risorse gratuite per imparare l'inglese online" e "Perdere 10 Kg: Le ricette"

Commenti

  1. Silvia pio dice:

    Sei proprio bravo in far capire che il sistema migliore
    Per non sentisi un fallito e’ non comportarsi come tale!!!!!
    Grazie

    • Ivan dice:

      Ciao,

      non capisco se il tuo commento è ironico o no haha

      in ogni modo secondo me non esistono falliti. Solo persone che provano a fare qualcosa e persone che invece si arrendono prima di provarci.

      Ognuno è libero di scegliere ; )

      • Puffo Verde dice:

        Tienes toda la razón, y sabes cuanto te admiro y te envidio por echarle huevos!!!!

        Ánimo y suerte para este nuevo proyecto!!! ;)

        • furio dice:

          hola querida, que hacés?

          long time no talk : )

          • Puffo Verde dice:

            Pues lo que hago, y más después de leerte, es plantearme en seguir adelante con mi idea de negocio… Y es lo que debería hacer para ser feliz.
            Muchas charlas sobre esto a nuestras espaldas, jeje.
            ;)

          • furio dice:

            Sì, ya tenés que importar ese jamon serrano jaja

  2. Bravo, Furio
    in bocca al lupo per il business delle importazioni.

  3. Giuseppe dice:

    Ciao Furio,
    sono arrivato su NVL per caso, come spesso accade sulla rete, qualche giorno fa e ho letto diversi articoli e oggi ci sono tornato con la speranza di trovare un nuovo articolo, e in effetti c’era :-) .

    Ti faccio i miei migliori auguri per il tuo nuovo business Cinaimportazioni.it, ma voglio anche lanciarti una piccola provocazione, se posso permettermi :-) . Prendendo spunto dal tuo articolo mi viene da pensare che nella tua lista “Cosa so fare” manca la parola Italia tra le cose che conosci. Secondo me la conoscenza della Cina potrebbe essere un ottimo servizio di consulenza da vendere alle aziende Italiane.
    Per farla breve un import/export di consulenze da e per la Cina.

    Anche io in qualche modo da febbraio 2013 ho unito la mia passione per la creazione di siti internet e la mia dimestichezza nel commercio, lavoro tuttora in un negozio di generi alimentari in provincia, è ho creato un e-commerce per la vendita di caffè, non scrivo l’indirizzo perché mi sembra scortese scriverlo nel mio primo commento.

    Devo dire che pur non avendo venduto chissà quanto, sono contento e sto provando a organizzarmi per vendere in europa. Non so se diventerà il lavoro della mia vita, ma da quando ho iniziato mi sento meno intrappolato in questo periodo di crisi.

  4. furio dice:

    Ciao Giuseppe,

    sull’export (dall’Europa) ci stiamo pensando ma si tratterebbe di qualcosa di totalmente differente. Mi spiego, nonostante si utilizzi il termine import/export, chi fa import di solito ha un profilo molto diverso da chi fa export.

    Esempio: chi importa cellulari dalla Cina è un negoziante (o un venditore all’ingrosso come Trony). Chi esporta cellulari in Cina è un’azienda manifatturiera che opera nel settore high-tech (Samsung, ad esempio).

    Come vedi si tratta di target molto differenti che richiedono servizi e funzionalità diverse. Servirebbe, appunto, un altro portale.

    Ho dato un’occhiata al tuo sito (http://www.moltopiucaffe.it/ per chi ha voglia di visitarlo). Il sito mi sembra molto ben fatto e l’idea mi sembra ottima, sopratutto perché sfrutti le conoscenze nel campo alimentare che hai già.

    • Giuseppe dice:

      Grazie Furio per aver dato un’occhiata al sito, riguardo all’export dall’europa e alla differenza del target a cui ci si rivolge sono d’accordo con te e non ci si può improvvisare in queste cose :-)

  5. FRANCA dice:

    ciao,
    non ho mai scritto su un sito ma leggendo il tuo e mi e’ sembrato naturale dire qualcosa .Sono appassionata della cina cibo cultura ecc e sto pensando da tanto di iniziare un attivita .Lavoro nel turismo servizi di trasporto persone , transfer tour ecc e mi piacerebbe essere messa in contatto con agenzie che organizzano viaggi in Italia ma ho provato tante volte senza risultato…….

    • Furio dice:

      Ciao,

      intendi agenzie cinesi che organizzano viaggi in Italia? Non penso ci sia tanto spazio per gli italiani in quanto tutte le guide che ho visto sono cinesi e, inoltre, la comunità cinese in Cina è abbastanza ampia.

  6. michela dice:

    Ciao….come stanno andando i tuoi affari con i tuoi 2 siti? Ho letto il tuo articolo. …e mi è sembrato molto interessato.

Trackbacks

  1. […] Un’ultima cosa prima di iniziare. Se il tuo problema non è tanto il fallire ma piuttosto il non saper da dove iniziare allora ti invito a leggere prima questo articolo: Come creare un bizness di successo nella nicchia giusta per te. […]

Parla alla tua mente

*