imparare l'inglese

Non Voglio Lavorare” è una provocazione. Se tutto quello che desideri è stare a casa e smanettare con la playstation mentre mamma ti cucina la pasta ho paura che questo NON sia il sito adatto a te ; )

Se invece sei stanco di lamentarti perché in Italia non c’è lavoro e progetti di imparare l’inglese, viaggiare, lavorare a un progetto che ti appassioni e vivere fuori dallo schema che ci ha imposto la nostra società (Scuola – > Posto Fisso – > Matrimonio – > Mutuo di Trent’Anni – > Tedio Domenicale) allora questo sito ti può interessare.

Io credo che siamo fortunati a essere nati in quest’epoca di cambiamenti. Sì, per i nostri genitori trovare un lavoro era più facile e comprarsi una casa economicamente sostenibile.

Ma noi abbiamo ereditato uno strumento molto più potente. Uno strumento che ci da la possibilità di accedere a una fonte infinita di informazione, di comunicare con chiunque senza dover viaggiare e di costruire il nostro futuro senza aver bisogno di grandi capitali iniziali.

Questo strumento si chiama Internet.

Non Voglio Lavorare è un sito che si propone d’ispirare e aiutare tutte quelle persone che sognano di:

  • Smettere di avere paura.

Iscriviti e Scarica gli e-Book, è Gratis!
Iscriviti e scarica "21 risorse gratuite per imparare l'inglese online" e "Perdere 10 Kg: Le ricette"

Mi presento

Mi chiamo Ivan (anche se per motivi storici firmo i miei articoli sotto lo pseudonimo di Furio), ho trent’anni e gli obiettivi che ho elencato sono solo alcuni degli esempi più comuni di quello che la mia generazione sogna di fare, a volte con impotenza.

Ci paralizza la paura del giudizio della gente e il timore di fallire. La paura che si trasforma in procrastinazione e poi in rimpianto.

Forse ti stai chiedendo che diritto ho, proprio io, di fondare un sito del genere.

Ma il punto è proprio questo.

Io ho smesso di chiedere permesso e di preoccuparmi di quello che pensa la gente.

Ci stai dicendo tante belle parole, ma i fatti?

Facciamo un esempio pratico: realizzare un sito web.

A novembre 2011 decisi di fondare un sito web sulla Cina perché, mi dissi, non sia mai che un giorno riesca a finire il mio romanzo (anch’esso dedicato alla Cina) e abbia bisogno di farmi notare da un editore italiano (farsi pubblicare un romanzo da esordiente con una buona casa editrice in Italia è un’impresa).

Ai tempi non conoscevo la differenza tra un dominio internet (il nome del sito, per esempio nonvogliolavorare.it) e una compagnia di hosting (coloro che ospitano il mio e il tuo sito su un server – cioè un computer enorme che è sempre online – di modo ché i lettori possano accedere al sito web a tutte le ore).

Così una notte chiesi a Google “Come costruire un website?” e iniziai a ricomporre il puzzle.

Imparai che il “dominio” era il nome del sito che bisogna registrare presso una compagnia autorizzata – ad esempio GoDaddy.com – e che bisogna pagare circa dieci euro all’anno.

Compresi che ci sono tante compagnie di hosting ma che alcune sono più affidabili di altre (io pago sette euro al mese a una compagnia texana chiamata Hostgator che in cambio mantiene il mio sito online).

Poi imparai che c’era un modo di dire a GoDaddy che volevo ospitare il mio dominio sui server di Hostgator. Bastava entrare nel mio account GoDaddy e inserire l’indirizzo DNS (un codice numerico) che Hostgator mi aveva mandato via posta elettronica.

Quello che sino al giorno prima sembrava magia nera (riuscir a far comunicare due entità indipendenti ed enormi) si era rivelato essere un innocuo codice numerico arrivato via email!

Una volta sistemato il dominio e l’hosting mi dissi che ancora il sito bisognava costruirlo. Pensai di rivolgermi a un web designer professionale, ma poi decisi di fare da solo.

Continuai a chiedere a Google, il quale mi rispose che oggigiorno esiste un software miracoloso chiamato WordPress che fa tutto per te. Ed è gratis!

Bastava entrare nel mio account Hostgator, trovare un’icona chiamata Fantastico – mai nome fu tanto opportuno – e cliccare su “Install WordPress.”

A questo punto avevo tra le mani un sito perfettamente funzionante. Certo, la grafica era molto semplice e mancavano tutti i particolari che rendono un sito unico.

Passo dopo passo capii come installare ogni cosa, e oggi Saporedicina.com, il mio primo sito, ospita circa 130.000 visitatori al mese. Quel famoso romanzo non l’ho mai finito ma, tramite i siti web e i servizi online che ho realizzato in seguito – e con l’aiuto di un socio, – sono riuscito a creare un’impresa che dà da mangiare entrambi.

Non lo sto dicendo per vantarmi. Ci sono tanti siti web che hanno centinaia di migliaia di utenti e generano centinaia di migliaia di Euro al mese. Alcuni (pochi a dire il vero) hanno milioni di visitatori e guadagnano più della somma degli stipendi di un’intera squadra di seria A.

Ti racconto questa storia solo per evidenziare due fatti importanti:

  • Se quel giorno di novembre non avessi iniziato non sarei mai arrivato da nessuna parte.

    I tuoi obiettivi saranno certamente diversi, magari più ambiziosi dei miei. Ma la sostanza è la stessa. Il successo “in una notte” è una chimera. Prima bisogna lavorare.

  • Per realizzare il mio primo sito web mi è servito un mese, lavorando ogni notte e a volte incazzandomi quando le cose non andavano come avrei voluto.

    Ma Non Voglio Lavorare l’ho costruito in una domenica. Mentre imparare il francese mi è costato sudore e fatica, lo spagnolo e l’inglese gli ho imparati quasi per osmosi.

    Insomma, ci siamo capiti.

Cos’è Non Voglio Lavorare?

Non è un’impresa facile, ma se dovessi riassumere l’obiettivo di questo sito in una frase direi che è quello di demistificare l’idea che ci sia qualcosa di “difficile.”

Tutto è possibile, basta volerlo e lavorare passo dopo passo senza perdere di vista l’obiettivo finale.

Quando visito un sito mi piace conoscere chi c’è dietro. Clicca qui per vedere le mie foto e conoscere la mia storia.

Iscriviti e Scarica gli e-Book, è Gratis!
Iscriviti e scarica "21 risorse gratuite per imparare l'inglese online" e "Perdere 10 Kg: Le ricette"

Commenti

  1. Yolanda dice:

    Bravo Ivan per il tuo novo projetto! ¡Hasta pronto por el mundo!

  2. bagna dice:

    neanche io voglio lavorare!!!!!! ti appoggio in pieno :)

  3. Laura dice:

    Io invece sono 23 giorni disoccupata…e voglio lavorare!!!!!

    • ivan dice:

      Ciao Laura come ho scritto sopra noi siamo fortunati e il lavoro ce lo possiamo inventare! Basta crederci ; )

  4. Silvia dice:

    Sapore di Cina mi piace, ma Non voglio lavorare lo trovo fenomenale! =)

  5. Ivano dice:

    Ciao siccome su sapore di Cina non riesco a commentare ci provo qui:

    Ciao, ti leggo da tanto con molto piacere in alcuni tuoi post mi rivedo abbiamo avuto alcune “avventure” simili, inoltre meriti una lode per come tratti l’argomento dello studio del cinese alcune tue dritte sono state molto utili! Io attualmente vivo ad Hagzhou e se passi da queste parti te lo offro io un caffè (senza hamburger perchè sono squattrinato anch’io:P). Farò quanto mi è possibile per pubblicizzare questo blog perchè lo meriti. Ciao e b notte!

    Ivano

    • ivan dice:

      Ciao Ivano, sorry per il disguido tecnico, anch’io ieri non riuscivo a rispondere ai commenti su sapore di cina quindi si tratta di uno di quei misteri tutti cinesi.

      Buona a sapersi per Hangzhou, prima di Natale non ce la faccio ma magari questa primavera si.

      Peccato (per te) che ad Hangzhou non ci sia Carl’s però da Ellen’s preparano degli hamburger niente male ; )

  6. Luca dice:

    Da poco mi sono avvicinato al “mondo Cinese” e i tuoi articoli su Sapore di Cina non hanno fatto altro che aumentare il desiderio di conoscere sempre di più il Paese di Mezzo (suona molto tolkieniano detto così xD)
    Mi sono già impegnato a far conoscere il tuo blog perché merita.. continua così!

    • ivan dice:

      Ciao Luca,

      io mi impegno a scrivere articoli su cowboy e playboy ma poi è inutile, la gente torna su Sapore di Cina per il cinese haha

      Ammetto di avere un rapporto di amore/odio con questa lingua che, come una donna capricciosa, prima mi fa gli occhi dolci e poi mi respinge.

      Forse è per questo che continuo a studiarla (la lingua, non la donna : p)

  7. gabriele dice:

    Ciao Ivan!!una vita che non ci vediamo,ma finalmente potro’ ricevere tue notizie dal blog.In bocca al lupo per il tuo progetto,ti augura tanta fortuna

  8. ramon dice:

    Ciao Ivo, non ci becchiamo da un sacco di tempo, la foto della sarda bitumi richiama un bel po di nostalgia…

  9. Marco dice:

    Ma perché iscriversi all’n-esima newsletter spammosa, quandi per seguire un blog basta iscriversi ai suoi feed con un lettore rss purchessia?!
    Mi sono appena iscritto sul tuo blog con il mio Google Rss Reader Android.
    Mi piacerebbe sapere se è vero che sei laureato in ing. che hai fatto dott. di ricerca ecc. Forse a molti queste cose nn interassno, ma vorrei evitare di perdere tempo a leggere articoli inventati da l’n-esimo frescone che si inventa un perfino di essere laureato.
    Non intendo dire che tu fai così, dico che purtroppo ce ne sono vari che fanno così (una volta ne beccai uno che si spacciava addirittura per professore e un altro di recente che racconra di aver lavorato x anni come CEO di una grande banca americana) quindi dare qualche prova più concreta di chi sei penso possa essere vantaggioso anche x il tuo blog.

    • ivan dice:

      Ciao,

      non tutti usano un lettore RSS. Io per esempio non lo faccio mai. Mi iscrivo via email ai blog/website che leggo con regolarità e ricevo i post per email. Non è spam, ho scelto io.

      Stessa cosa qui. Se scegli di iscriverti ti arrivano gli articoli via email (circa uno a settimana) e puoi cancellarti dalla newsletter quando vuoi. Se scegli di non iscriverti, non ti arriva nessuna email. Lo spam è un’altra cosa ; )

      Per quanto riguarda la mia biografia, sul sito ci sono tante foto e info personali, più di quelle che si trovano di solito in un website.

      Anyway, se sei interessato qua trovi uno dei miei ultimi articoli scientifici:

      http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1751570X12000210

      Puoi vedere la copertina ma purtroppo non lo puoi scaricare perché gli articoli scientifici sono a pagamento.

      Se vuoi una versione gratuita te la posso mandare via email ; )

      Take care

  10. Ciao Ivan alias Furio, quando ero in Cina (da cui però sono andata via dopo un mese e mezzo perchè non mi piaceva+mi facevano lavorare senza work permit+altre cose) ti avevo letto e seguito per un po’. Ora ti ritrovo qui: interessante! Anch’io sono andata via, sono in aspettativa dal mio posto fisso (una career cage di tutto rispetto: insegnante di ruolo) per un motivo semplice: non ero felice. Così ho scelto di esserlo e sono partita. Se vuoi, seguimi sul mio blog appena nato: http://www.toohappytobehomesick.com E complimenti: se si ha un sogno, perchè aspettare?

    • ivan dice:

      Ciao Elisabetta,

      grazie per il commento e per la tua storia. Il tuo blog mi piace molto, soprattutto l’header e i colori che hai scelto : )

  11. Grazie! Fa piacere ricevere complimenti, soprattutto quando si è all’inizio, e ci si chiede “ma starò facendo bene? a chi interesserà mai ciò che scrivo?” etc etc. :D

    • ivan dice:

      Iniziare non è mai facile. Durante i primi tre mesi di Saporedicina.com ho ricevuto solo due commenti, entrambi da amici miei, probabilmente impietositi : p

      Sembrava di predicare in un’enorme cattedrale deserta. Poi piano piano la gente è arrivata. Adesso è molto più divertente perché so che quando scrivo qualcosa almeno c’è qualcuno che lo legge haha

      Quindi ti esorto a non mollare : )

  12. Non mollo, non mollo! Chi la dura la vince, no? Guarda dove sei arrivato! Se poi ti arriverà un contatto per pubblicare il tuo libro nel cassettone, sarò felicissima per te. E’ ovvio che anch’io ho quel sogno nel cassetto, come ogni travel blogger che si rispetti

  13. massi picchedda luna dice:

    CONGRATULATION!!! tutta la mia stima…in bocca al lupo :-)

  14. mgrazia dice:

    Bel servizio a videolina! Ho letto qualcosa sul blog della cina, sto ancora ridendo, troppo simpatico! continua a scrivere!! :)

  15. Kristina dice:

    Ciao Ivan , bella scoperta la tua iniziativa ….. il tuo ottimismo e la voglia di fare sono un benefico “virus ” dal quale tutti vorremmo esserne contagiati . La mia esperienza è diversa dalla tua ( ho qualche anno più di te eehmm 44 il prossimo maggio , una laurea ed una abilitazione professionale che presto dovrò lasciare :una impietosa legge approvata il21 dicembre 2012 costringerà molti della ns categoria a scegliere o vedersi cancellati dall’albo “per motivi di reddito ” troppo basso , …lasciamo perdere avrai capito che categoria è ,;) ) comunque da poco tempo ho iniziato un’avventura con altre persone , a Cagliari , vogliamo creare un centro servizi per l’infanzia , partendo dal volontariato …… è dura ma abbiamo cominciato …siamo tutte persone ( studenti universitari , insegnanti , animatori , disoccupati , etc. ) ma ciascuno con un talento diverso da mettere a disposizione dell’iniziativa . Speriamo tutti che si trasformi in un futuro -non troppo lontano -in un vero e proprio lavoro …. hai ragione su una cosa fondamentale ….se non si comincia mai ..non si arriverà da nessuna parte …ed allora mettiamoci tutti in gioco ed in bocca al lupo …ti seguirò ogni volta che mi sarà possibile sei davvero in gamba ..continua così . A presto !

    • ivan dice:

      Ciao Kristina,

      grazie per aver condiviso la tua storia con me e con i lettori del blog.

      Tutti questi riscontri positivi sono per me sia un motivo di soddisfazione che una spinta per continuare su questa strada!

  16. vanessa dice:

    Ciao Ivan,
    volevo farti i complimenti per il tuo blog, io sto pensando di trasferirmi a Beijing il prossimo anno, amo troppo la Cina e tutto ciò che è oriente.

    Magari ci si becca!

  17. Italo dice:

    Ciao Furio mi chiamo Italo, certo che sei una macchietta mi hai fatto ridere con il tuo post, io ti assomiglio molto in gioventù ho avuto le esperienze più sfigate, successivamente ho viaggiato moltissimo e non ho idea di fermarmi, non so cosa cerco o cosa troverò nel mio cammino, ma so che ti invidio un po’ anche perchè mi ha sempre attratto la cultura della Cina.
    Teniamoci in contatto chi lo sa forse potremmo un giorno incontrarci e scambiarci le proprie esperienze sfigate, ti auguro un grande in bocca al lupo e successo per quello che fai e per il tuo libro ciao.

  18. cloe dice:

    ho trovato il tuo articolo davvero interessante in diversi punti ..tuttavia penso che questo tipo di regime sia adatto a persone che svolgono un’ intensa attività fisica e hanno bisogno di un alto contenuto di proteine per mettere su massa..io vorrei perdere 10 chili ma non svolgo un’attività fisica particolare…studio e mi limito a camminare,a tratti correre, per circa 1 ora e 30 per 3 volte a settimana e faccio un po di addominali…non seguo nessun programma di allenamento e non vado in palestra..questo regime puo’ cmq fare al caso mio??
    un’altro dubbio che mi assale..quel giorno in cui puoi mangiare cio’ che vuoi..io credo che ci vuole cmq moderazione..a me piacciono tanto i dolci e sono sicura che farei una vera e propria abbuffata ,con la paura poi di vanificare i 6 giorni precedenti..o posso stare tranquilla? grazie per l’eventuale risposta

    • Furio Fu dice:

      Ciao Cloe,

      suppongo tu ti riferisca a quest’articolo:

      http://nonvogliolavorare.it/come-perdere-10-chili-in-3-mesi/

      Per rispondere alle tue domande:

      1) No, questo regime alimentare è indipendente dall’esercizio. Per farti un esempio, a Natale sono ingrassato circa 5 kili a causa delle vacanze in Sardegna. Poi ho passato tre settimane in Thailandia mangiando pollo, pesce e mango e ho riperso tutti i kili di troppo, senza fare nessun esercizio (a parte le flessioni di mattina).

      2) Correre un’ora e mezzo di fila è meglio di niente ma non è assolutamente l’ideale per perdere peso né per allenare il cuore. L’argomento è un po’ complesso, qua trovi i dettagli:

      http://nonvogliolavorare.it/lo-sprint-a-otto-picchi/

      Il punto chiave del ragionamento è questo:

      Il problema è che quando si corre trenta minuti o più, oltre ad allenare il nostro cuore a una sola frequenza, si utilizzano SOLO le fibre muscolari lente (o rosse).

      Uno dei modi più efficaci per per perdere peso e aumentare la massa muscolare è quello di aumentare il nostro livello di HGH (l’ormone della crescita) che viene prodotto SOLO quando si allenano le fibre muscolari veloci (o bianche).

      3) Come ho già detto, sì, il regime alimentare è indipendente dall’esercizio.

      4) Per quanto riguarda l’abbuffata, se segui la dieta per sei giorni a settimana il settimo giorno puoi mangiare quello che vuoi. Il punto è che le calorie in eccesso ingerite il settimo giorno ti aiutano a mantenere un metabolismo elevato cosicché il tuo corpo è portato a bruciare più calorie (anche nel sonno).

      Senza l’abbuffata settimanale invece il corpo andrebbe quasi in letargo, riducendo il metabolismo e impedendoti di perdere peso. Inoltre rinunciare per sempre a zuccheri e carboidrati sarebbe una tortura psicologica e, probabilmente, abbandoneresti la dieta dopo poche settimane o mesi.

      Fammi sapere se hai altri dubbi ; )

  19. Danycons dice:

    Ciao Ivan,
    grazie per il tuo sito e grazie per aver condiviso con tutti la tua esperienza di vita sulla diminuzione di peso, sull’inglese, ecc. Io provo oggi ad iniziare la dieta e gli esercizi, a proposito c’è un orario in cui conviene allenarsi? Hai lo stesso nome del mio compagno di vita, spero che questo sia un segno positivo. Io peso 74,5 Kg, sono alta 1,63 m, misure giro seno 101 cm, giro vita 99 cm, giro fianchi 114 cm. Ho la dieta del dietista che mi promette di perdere 7/8 chili in un anno, ma non riesco a seguirla perché non vedo risultati. Incrocia le dita per me e scrivimi ogni tanto se ti va. Ciao e grazie ancora

    • Ivan dice:

      Ciao,

      per gli orari di allenamento ti consiglio di scegliere quelli che vanno bene a te. Ogni persona è diversa. Beh se segui la dieta che ho descritto e partendo da 75 Kg e 1,63 di statura 7-8 Kg dovresti perderli in meno di due mesi…

      Facci sapere!

  20. Ho scoperto ora questo tuo sito! Lo seguirò sicuramente, sembra interessante :)

  21. Mena dice:

    Ciao!

    Scusa per il mio italiano, lo sto ancora imparando, e anche non ho gli accenti.

    Il titolo “Non voglio lavorare” e ironico?
    Io non capisco: allora ti piace a lavorare, perche fai alcune cose creative, come scrivere, o imparare una lingua. Queste impiegano tempo ed energia!
    O lavoro a te significa soltanto un posto di lavoro?

    (In sede della storia la gente sempre ha dovuto lavorare per crearsi le condizioni della vita. Questo non deve essere un posto dove i capi ti dicono cosa da fare. :))

    Scusa di nuovo, se ho preso qualcosa di traverso. :))

    • Furio dice:

      Ciao Mena,

      sì il titolo è ironico. Anzi, è una provocazione ; )

      • Mena dice:

        Grande! Significa che

        1, hai capito quello che avevo scritto –> posso costruire almeno una frase comprensibile in italiano! ;DD

        2, anche io ho capito bene il tuo blog. Altrimenti, volevo scrivere esattamente perche e molto interessante. Lo leggero assolutamente!

  22. Ciao Furio, complimenti per il blog! Grazie per l’entusiasmo che trasmetti.
    Anch’io ho un blog, ma non posto nulla da più di un anno. Sono arrivato qui perchè cercavo informazioni per perdere peso e ho trovato un approccio vincente per affrontare / migliorare il mio grado di soddisfazione in ciò che sono e ciò che faccio

    Grazie… Continua così

  23. Jappo dice:

    Ciao Furio,
    ti stavo scrivendo in privato, ma poi ho pensato che l’argomento poteva interessare anche altra gente che si trova in Cina.

    Anche io avrei voluto aprire un blog tempo fa, ma mi sono scontrato con un problema: WordPress non funziona in Cina.
    Allora la mia domanda è: con il procedimento che hai usato tu non c’è bisogno di alcun VPN per usare WP installato su un altro dominio?
    La seconda domanda è: dato che io sono un po’ impedito con il PC, so che WP offre sia un servizio gratuito che uno a pagamento. La mia impressione è che usufruendo di quello a pagamento sia possibile accedere al sito anche dalla Cina, poiché questo non sarà ospitato sui server di wordpress. Sai se è così o se è solo un’idea errata che mi sono fatto io?

    grazie e ciao!

    • furio dice:

      Sì,

      hai capito bene. Servizi gratuiti quali wordpress.com e blogspot.com sono bloccati in Cina (Tumblr dovrebbe funzionare).

      Io ho affittato uno spazio su un server in US e comprato il mio dominio quindi ovviamente non è bloccato : P

      Qua trovi i dettagli: http://nonvogliolavorare.it/risorse-sito-web/

      Il mio consiglio: Se pensi a un progetto a lungo termine evita i server gratuiti (blogspot, tumblr, wordpress.com etc) perché:

      1) Non hai troppa libertà a livello di design etc

      2) Non sei il padrone di casa quindi potrebbero sfrattarti in qualsiasi momento (un po come su facebook).

      • Jappo dice:

        Ricapitolando: se apro il blog a pagamento su WP lo posso usare in Cina senza VPN (dato che il Great Fire-Wall funziona sempre meglio), ma me lo sconsigli perché “non sono padrone di casa”, ma in ogni caso posso installarlo sul sito che mi creerò.
        Ho letto tutto l’articolo che hai postato ed è davvero fatto bene.
        Grazie ancora!

        • Furio Fu dice:

          NO. Ricapitolando:

          Website/blog a pagamento (ovvero compri il tuo dominio e affitti il server, prezzo 60 euro all’anno circa):

          1) non sarà bloccato in Cina 2) sarai il signore e padrone.

          Website/blog su una piattaforma gratuita (wordpress.com, blogspot.com):

          1) bloccato in Cina 2) NON sei il padrone di casa, un po’ come succede con una pagina Facebook che può essere chiusa in qualsiasi momento.

          • Jappo dice:

            ok, chiaro come il sole.
            mi era chiaro anche prima, ma stanotte ho dormito poco e ho perso la facoltà di esprimermi correttamente. (mi sa che sono ancora in fase REM)
            Mi sono già compromesso pubblicamente con questi commenti. Meglio che dopo pranzo mi faccia una pennichella.
            grazie ancora!

        • Jappo dice:

          mi son accorto che non rileggere le cose che scrivo non va bene… ma che frase ho fatto??
          Comunque il senso era che il programma di WP lo posso installare poi sul sito che mi creo, non che devo pagare WP e poi installare quello a pagamento.

          • Furio Fu dice:

            Non capsico il tuo commento . P

            In ogni caso, il CMS WordPress è GRATUITO. Si può scaricare su WordPress.org e poi installare ovunque (se utilizzi hostgator si installa con un click dal control panel, non devi neanche andare a scaricartelo).

            “Sito a pagamento” significa che paghi il dominio (www.Jappo.it) + l’affitto sul server per installare il sito (ad Hostogator, ad esempio). Tale spesa è annuale ed è l’unica spesa obbligatoria per gestire un sito.

            Ripeto, il software di base è gratuito.

  24. Elena dice:

    Ciao Furio
    io “non voglio più lavorare ” per dei pazzi !!!
    E di questi tempi in Italia sono tanti ….
    Hai ragione di notte vengono anche belle idee
    tipo licenziarsi da un posto fisso con contratto a tempo indeterminato
    per fare qualcosa che ti piace e ti fa smettere di lamentarti
    Sono quella dei Tè …
    per fortuna non siamo tutti pazzi !!!
    GRAZIE

    • Furio Fu dice:

      hehe ciao Elena, si ho riconosciuto l’email della signorina (signora?) del tè : P

      A presto,

      F.

  25. aleguara87 dice:

    Ciao Furio,
    Blog veramente interessante ed entusiasmante!
    Sono entrato nel tuo blog da “i 10 motivi per non comprare casa” (cose giustissime!(:) e ogni tanto ritorno perchè ogni tanto mi frulla per il cervello di fare esperienza di lavoro all’estero, stanco di lavorare in italia in ambienti osceni e non appaganti!
    Ti faccio i complimenti per tutto, continua così! :)

  26. aleguara87 dice:

    Ciao Furio,
    a fine anno finalmente metterò piede in cina per la prima volta! COMPLIMENTI PER IL BLOG! :)

  27. michele dice:

    Ciao, avevo una mezza idea di creare un sito, su quale argomento trattare però ho ancora dei dubbi, e leggerti, sinceramente, mi ha ulteriormente spinto a seguire questa strada del web. Ne approfitto per farti i complimenti e per informarti che ho già fatto conoscere a parecchia gente il tuo Sito. Avanti così. Ciao

  28. Sarebbe un sogno bellissimo.

  29. Nicoletta dice:

    Ciao Furio, complimenti per i tuoi blog che sono sempre un punto di riferimento! Ho conosciuto prima il tuo saporedicina e poi questo.
    Qualche mese fa ho deciso di lasciare il mio posto di lavoro a tempo indeterminato con paga da fame e senza prospettive di carriera per soddisfare la mia voglia di andare a studiare cinese in Cina. Starò alla ECNU di Shanghai per il mese di luglio, così, per un primo assaggio :)
    Volevo ringraziarti per tutti gli articoli utili che hai scritto e che ci regali con generosità! Grazie!

  30. Davide dice:

    Ivan, ho tanta tanta stima per il tuo percorso e tanto interesse per i tuoi interessanti articoli, ma se posso darti un consiglio: prima di spiegare come imparare l’inglese forse dovresti curare un poco la grammatica italiana, è anche una questione di rispetto verso chi legge dal momento in cui scrivi per tutti. Qualche esempio: “(egli) da” senza accento oppure “lo spagnolo e l’inglese GLI ho imparati quasi per osmosi” –> “gli” vuol dire a lui, avresti dovuto scrivere “li”

    • Furio dice:

      Aloha,

      mi dispiace ma arrivi tardi. Ho pubblicato quanto segue il 25/02/2013:

      Ecco una carrellata delle amorevoli bacchettate ricevute negli ultimi mesi (o almeno quelle che sono riuscito a ritrovare):

      Ti confondi spesso tra GLI e LI. Per carità, niente che una maestra di prima elementare non possa correggere.

      Qui trovi il seguito:

      http://nonvogliolavorare.it/errori-grammaticali/

      Ho anch’io un consiglio sincero: rinfacciare “mancanza di rispetto” a qualcuno che cura un sito web come NVL senza chiedere nulla in cambio (nota: non vendo niente, non ci sono pubblicità) perché c’è qualche errore grammaticale (scusa, non ho il tempo di fare 3 revisioni di ogni articolo) è una benemerita cazzata. Avresti potuto esprimere lo stesso concetto con molta più simpatia e leggerezza (vedi esempi nell’articolo linkato in alto).

      Zaijian!

  31. Raffaele dice:

    una domanda, continui a “non lavorare”? oppure hai smesso?
    trovo il tuo blog decisamente simpatico

    • Furio dice:

      Non ho mai smesso di lavorare. Ora lavoro molto di più, solo che lavoro in proprio. Il sito l’ho aperto quando mi sono licenziato dal mio lavoro da dipendente. Da qui il titolo , )

  32. Marcello dice:

    Ciao Ivan,

    peccato che non aggiorni più il blog (se non hai niente da dire meglio così).
    Attualmente di cosa ti occupi?

    • Furio dice:

      Ciao,

      più che non aver niente da dire, non ho tempo! Mi occupo sempre delle stesse cose: Chinaimportal.com e Saporedicina.com!

      • Marcello dice:

        La butto li, ora che segui delle attività tue con continuità da 1-2 anni (insomma, non cambi più ideai di business una volta al mese come facevi all’inizio) sarebbe interessante un raffronto con la vecchia vita da dipendente. L’avevi già fatto, ma magari l’esperienza di questi ultimi anni ha aggiunto nuovi elementi.

        • Furio dice:

          Ciao,

          in effetti non ho mai cambiato business una volta al mese, diciamo che le altre erano solo idee che alla fine non ho mai sviluppato

          Personalmente sto molto meglio ora che non sono dipendente!

Parla alla tua mente

*